cart icon 0

Carrello

Iniziate bene il 2017 con le lenticchie di Onano (noi saremo chiusi la sera del 31 e il 1°)

lenticchie di onano

Come iniziare bene il 2017? Con un bel piatto di lenticchie di Onano!

La lenticchia, forse il più antico legume coltivato, è il simbolo della ricchezza e dell’abbondanza dai tempi dell’Antica Roma per alcune caratteristiche: i suoi ottimi valori nutrizionali (é ricca di proteine e fosforo, ferro e vitamina B), la sua forma che ricorda quella di una moneta, la sua capacità di germogliare, le sue dimensioni che, aumentando dopo la cottura, danno l’idea di opulenza. Per lunghi secoli in Italia la lenticchia, ma anche gli altri legumi e i cereali hanno avuto un ruolo importante nella battaglia quotidiana per la sopravvivenza delle classi più disagiate, divenendo la base di una gastronomia povera.
Per tali ragioni già gli antichi romani erano soliti regalare e consumare lenticchie in occasione del capodanno in segno di buon auspicio. Un’usanza antichissima che si è diffusa in tutto il nostro paese e che ancora oggi resiste.

L’Italia non è un paese che produce lenticchie in grande quantità, ma alcune varietà sono particolarmente pregiate.
Tra queste, le lenticchie di Onano, coltivate da secoli nel comune omonimo nella provincia di Viterbo dove il terreno vulcanico, sabbioso e leggero conferisce al frutto una pasta delicata, dolce, vellutata e cremosa.
La lenticchia di Onano è uno dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani presidii di Slow Food.

Io vi auguro in tutta sincerità un bellissimo 2017!

Saremo chiusi il primo di gennaio, ci vediamo il 2!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *