cart icon 0

Carrello

Obiettivo: riscoprire la varietà dei cibi locali

pubblicato il 04 ottobre 2017
varietà

Mangiare non è un atto che ha a che fare solo con il nostro sostentamento. Non mangiamo solo per sopravvivere: ci sono altre sfere implicate nella nutrizione come il gusto, l’identità, la cultura, l’economia.

Quando facciamo acquisti possiamo favorire certi mercati a discapito di altri. Sarebbe auspicabile che le nostre azioni di consumatori pongano l’essere umano al centro di tutto. Così io che ho fatto del cibo il mio lavoro propongo ai miei clienti preparazioni della tradizione culinaria romana, con il proposito di realizzarle con i ingredienti locali (cibi prodotti prevalentemente nel Lazio e in Abruzzo). Questa scelta molto precisa mi guida nel mio lavoro, mi aiuta ad essere coerente; soprattutto pone l’uomo e le sue tradizioni al centro di tutto perché i nostri fornitori sono perlopiù piccoli agricoltori, allevatori, artigiani del cibo che producono varietà legate al territorio. Alcuni esempi: il nostro olio che è un extra vergine prodotto in provincia di Viterbo da ulivi di tipo canino, un albero originario del Nord estremo del Lazio; il nostro pecorino che è romano DOP, cioè prodotto con latte di allevamenti laziali; il guanciale che è stagionato nella zona di Amatrice e dunque certificato amatriciano IGP; infine la pasta secca che è prodotta in un piccolo pastificio che usa solo grani nazionali e le acque del Parco nazionale del Gran Sasso.

Non ho la presunzione di dire che l’arte culinaria che ho ereditato è la migliore, però sono orgogliosa perché mi impegno per preservarla e se tutti ( non importa da quale parte del globo provenga) compissimo tale scelta, ognuno per le ricchezze gastronomiche della propria terra, riusciremmo a tutelare la diversità dei cibi tradizionali contro la standardizzazione di luoghi e sapori. Possiamo compiere una rivoluzione scegliendo cosa portare in tavola.

Maria Chiara Di Felice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *