cart icon 0

Carrello

Prima della chiusura (25 e 26 dicembre) il Cottìo al mercato Pinciano

pubblicato il 20 dicembre 2016
cottìo di natale

Apprezzo il mio lavoro perché mi consente di preservare e proporre a tanta gente la tradizione gastronomica romana fatta di numerose ricette e interessanti usanze.

Tra queste ultime noi romani ne vantiamo una molto bella che si è persa nel tempo: il Cottìo di Natale, cioè la vendita di pesce secondo le modalità dell’asta che avveniva il 23 e il 24 dicembre presso il mercato del pesce. Si tratta di una tradizione molto antica, durata per ben sette secoli, ma che si è perduta nel tempo.

Ai mercati generali di via Ostiense dalle primissime ore del 23 dicembre era possibile l’accesso anche per i privati cittadini ai quali veniva offerto dai grossisti del pesce fritto. Il cottìo permetteva il consumo di pesce anche ai ceti meno abbienti nel giorno dell’antivigilia di Natale.

Culinaria ha deciso di far rivivere tale tradizione invitando alcuni ristoranti stellati, ma anche trattorie storiche a cucinare piatti di pesce presso il mercato rionale di via Antonelli venerdì 23 dicembre dalle 12 alle 15.
Tra le trattorie storiche ci saremo anche noi di ‘Da Enzo al 29’.

Quando mi hanno proposto di partecipare al cottìo non ho potuto fare a meno di aderire perché una parte dei pasti sarà consegnata alla comunità di S.Egidio.

Noi prepareremo la pasta e broccoli in brodo di arzilla, un piatto di epoca remota e gustosissima semplicità, appartenente alla cucina tradizionale ebraico-romanesca.

Colgo l’occasione per fare a tutti voi gli auguri di buone feste.

Ps.: noi saremo chiusi il 25, il 26 dicembre e il primo gennaio. Il 24 e il 31 aperti solo per il pranzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *